lunedì 12 novembre 2012

Emozioni nella Nuvola - Serie 1 - VI episodio

VI - Liberi o schiavi

Lo smartphone di Roberto, sul parapetto del ponte, inquadra il cielo, punteggiato di stelle.

Eugenio interrompe il collegamento. Nel laboratorio i tre uomini e la donna tacciono, nessuno ha il coraggio rompere il silenzio. Poi sei paia di occhi si voltano verso Mario, caduto in ginocchio.

La sua fronte e i suoi pugni chiusi battono sul pavimento e inizia a piangere come quando era un bambino. Come non ha mai fatto nella sua vita di adulto.

Con le lacrime scivola via il grande amore della sua vita, la fiducia di quando rimaneva per ore a parlare sul letto con la testa appoggiata sulle sue cosce, il sogno di un'unione che niente e nessuno avrebbe mai potuto dividere.

Isabella si accomoda su una sedia e accavalla le gambe. Fruga nella borsetta ed estrae accendino e pacchetto. Si accende una sigaretta.

Mario non piange più. Si rialza. I tre uomini la osservano.

“Allora?” domanda la donna.

Silenzio.

“Ho chiesto io di inserire quel messaggio nella procedura di suicidio. Ok, non c'entrava nulla, ma era importante che le vostre orecchie indiscrete capissero. Tanto, Roberto era già un uomo morto.”

“Il... il video?” le chiede Mario.

“Un bel ricatto, no?” Sorrisino. “E un piccolo aiutino per mettere le cose in chiaro tra di noi, maritino caro. Non ho mai amato gli addii sdolcinati.”

Le labbra si chiudono sul filtro della sigaretta. Aspira intensamente una boccata.

“Tesoro, non guardarmi con quegli occhi feriti. Sei un genio, lo sai. E te l'ho sempre ripetuto.”

Getta a terra il mozzicone della sigaretta.

“Mario, senza di te ci sarebbero voluti decenni per scrivere quel codice. Mi sono sacrificata. Ti abbiamo individuato anni fa e ho dovuto assicurarmi che facessi il tuo dovere. Ma se può consolarti, la vita insieme non mi è dispiaciuta poi così tanto. Ve lo chiedo un'ultima volta. Allora?”

“Allora cosa?” interviene Lin.

“Mario ci serve. In futuro potremmo avere bisogno di qualche modifica al codice. E voi due … bèh, per ora potete vivere. Il messaggio lo avete sentito. Volete collaborare di vostra iniziativa … o volete farlo con qualche incoraggiamento?”

Eugenio si rivolge a Mario: “Cosa vuoi fare con lei?”

Isabella scoppia a ridere.

“Povero il mio hacker. Eugenio, questa volta temo tu non sia stato così bravo nelle tue intercettazioni. Sopra e sotto di noi e dietro quella porta ci saranno non meno di duecento uomini.”

Le sue labbra di chiudono ancora una volta sul filtro.

“Sentite ragazzi. Può non piacervi, ma è l'unica soluzione. Molti devono morire, molti altri devono essere controllati. Vi chiedo scusa, ma non ho tempo da perdere. Scegliete da che parte stare.”

“No, Isabella. Non può essere l'unica soluzione. Forse l'uomo è egoista., forse è irresponsabile, ma non diventeremo mai schiavi delle macchine,” le risponde Mario.

“Mario, non schiavi, ma alleati. Neppure DataCom può fare tutta da sola. Abbiamo bisogno di presenza sul campo. Avremo dei problemi con tutti quelli che non vorranno seguire i consigli. Ci saranno ribellioni. L'abbiamo già calcolato.”

I tre uomini non rispondono. Isabella dice ad alta voce: “Ok, entrate pure.”

Un colpo. La porta cade a terra. Uomini in uniformi miste della polizia e DataCom iniziano a fluire nel laboratorio.

“Per l'ultima volta, con le buone o con le cattive? Tanto, la prossima tappa sono i nostri uffici. Scegliete voi dove. Liberi o schiavi.”




Vuoi contribuire all'evoluzione di Emozioni nella Nuvola? Commenta e vota su The iNCIPIT.

<-- Episodio precedente
Episodio successivo -->

Indice di Emozioni nella Nuvola e sintesi degli episodi.



"Emozioni nella Nuvola" fa parte della raccolta di racconti fantascienza e fantasy "Energie della Galassia". Leggi gli altri racconti, disponibili in tutti gli ebook store online.