mercoledì 25 settembre 2013

Samantha Baldin di Libri e Caffèlatte intervista Luca Rossi


1- Benvenuto, Luca, grazie molte per la disponibilità. Tu hai scelto di pubblicarti prima in Italia con un'antologia davvero intrigante "Energie della galassia", dopo ce ne parli, e l'hai promossa in rete attraverso i Social raggiungendo su Twitter i 5.000 follower! E' molto impegnativo, come riesci a conciliare tutto quanto?


Ciao Samantha, ho iniziato questo lavoro seguendo il mio sogno di sempre.
In realtà, non sapevo nulla né del mercato editoriale né del mondo self. Ho letto che esisteva la possibilità di pubblicare su Amazon e ho deciso di cogliere l'opportunità, senza pensarci su due volte.
La creazione degli account sui social network è stata quasi contemporanea. Volevo crescere, desideravo imparare, volevo che i lettori mi dicessero che cosa va e cosa c'è da migliorare in quello scrivo. 
Per me i social network sono interazione. Imparo dagli altri, conosco persone interessanti, sviluppo nuove iniziative, cerco di uscire dal mio piccolo recinto.
In ogni caso, mi sforzo di dedicare il 70% della mia attività lavorativa alla scrittura e il restante all'interazione con il resto del mondo.

2- Da poco hai tradotto il tuo lavoro in Inglese "Galactic Energies" per affrontare Amazon.com? Che tipo di difficoltà hai incontrato? Noti differenze, o è solo un mercato 100 volte più grande?

Desideravo pubblicare su Amazon.com per aver la possibilità di interagire con un nuovo bacino culturale dal quale imparare moltissimo.
Gran parte della fantascienza che amo è di matrice anglosassone. Molti dei miei miti, tra cui Asimov, Bradbury e Dick, sono americani. Anche la cinematografia sci-fi contemporanea che seguo con passione è quasi esclusivamente americana. Credo che gli statunitensi siano un popolo visionario, sognatore, ottimista, orientato al futuro, che segue con passione i passi in avanti che la scienza e la tecnologia compiono.
Volevo quindi leggere le recensioni e ascoltare i consigli che i lettori americani di fantascienza mi avrebbero dato.
È impegnativo trovare il giusto traduttore. È importante che il risultato finale non 'odori' di traduzione. Ho fatto diverse prove finché non ho trovato la persona giusta.

3- E ora una domanda sul tuo lavoro. "Energie della galassia" è un'antologia molto complessa. Ce ne vuoi parlare?

Con piacere. Si tratta di nove racconti nei quali affronto domande particolari.
Cosa accadrebbe se chi sta leggendo la nostra chat decidesse un domani di usare contro di noi le informazioni private che ci scambiamo? È possibile che ogni essere umano viva in un universo da lui stesso creato? Possiamo riprendere il controllo delle nostre vite passate?
In questi racconti non mi sono posto limiti spaziotemporali. Mi muovo tra il presente, il passato ed il futuro. Viaggio in questa e in altre dimensioni.
E, naturalmente, non nascondo, ma anzi esalto l'aspetto erotico nelle sue sfumature più accese.

Ti ringrazio, Samantha, per le tue domande. In questi mesi di duro lavoro uno degli aspetti più esaltanti è stato la possibilità di conoscere diversi ottimi autori self di fantascienza, con i quali diventa ogni giorno più interessante immaginare il futuro insieme.


L'intera intervista, completa con le domande all'autore Stefano Costantini, è disponibile su Libri e Caffèlatte.

Scopri Energie della Galassia su Amazon Kindle e su tutti i maggiori ebook store.

Segui questo blog su Paperblog e Bloglovin.

Leggi le altre interviste.